Skip to content →
  • Gilda & Ulisse
  • Gilda & Ulisse
  • Gilda & Ulisse
  • Gilda & Ulisse
  • Gilda & Ulisse

eventi in calendario

Homo homini lupus


Branco.lupi-800.jpg

«Un bracconiere di Chiavari è stato condannato a 7 mesi di arresto con la condizionale e la rifusione delle parti civili, perchè ritenuto responsabile dell'uccisione di sei lupi appenninici oltre che di detenzione illegale di fucili da caccia e munizioni. A inchiodare il bracconiere è stata una collana con i denti dei lupi uccisi ai quali aveva mozzato il muso.

Navigando in internet si trovano tour operator che organizzano safari di caccia al lupo in Serbia, con tanto di foto ricordo del fiero cacciatore che solleva la testa del lupo ucciso, la bocca grondante di sangue e gli occhi spalancati in un'eterna espressione di paura e dolore.

L'indagine della polizia provinciale, coordinata dalla procura di Chiavari, era iniziata quando davanti ad una casa cantoniera venne trovata la carcassa di un lupo con il muso mozzato. Individuato il bracconiere, la polizia ha effettuato l'esame del Dna comparato dei denti che componevano la collana con quello del lupo ucciso e di altri cinque esemplari di lupi appenninici. Oltre alla pena, al bracconiere è stata ritirata la licenza di porto di fucile e di caccia.» [fonte]

l'uomo è un lupo per l'uomo


Secondo il filosofo inglese Thomas Hobbes, la natura del lupo sarebbe fondamentalmente egoistica, determinata soltanto dall'istinto di sopravvivenza e di sopraffazione. Il timore reciproco regola i rapporti intraspecifici tanto nel branco che nella società umana. In una condizione di assenza totale di leggi o stato di natura, ciascun individuo, cerca di danneggiare o eliminare chiunque sia di ostacolo al soddisfacimento dei suoi desideri. Ognuno vede nel prossimo un nemico, in un continuo bellum omnium contra omnes (tutti contro tutti), nel quale esiste solo il diritto di ciascuno su ogni cosa (anche sulla vita altrui).
Navigando in internet si trovano tour operator che organizzano safari di caccia al lupo in Serbia, con tanto di foto ricordo del fiero cacciatore che solleva la testa del lupo ucciso, la bocca grondante di sangue e gli occhi spalancati in un'eterna espressione di paura e dolore.
Nessun lupo si è mai abbellito con i resti della preda, ne ha mai ucciso per un interesse diverso dalla necessità di sopravvivenza. Mi dispiace fare il pignolo, ma il vecchio filosofo inglese si sbagliava: la meschinità è esclusiva dell'uomo e totalmente estranea al lupo.



Inserito il 01 Feb 2011 da ulisse


< Indietro



-->
eventi in calendario

CALENDARIO NOVEMBRE 2017


FullSizeRender(1).jpg ... per saperne di più

CALENDARIO SETTEMBRE 2017


FullSizeRender.jpg ... per saperne di più

LA CURA DEL PELO


VENERDI' 04 AGOSTO 2017 dalle 21.00


UNA SERATA IN PELLICCIA

Presso il nostro campo ENAC a SANGUARZO (Cividale del Friuli) IMG_1250.PNG ... per saperne di più

CALENDARIO AGOSTO 2017


1image1.PNG ... per saperne di più


< 1 2 3 4 5 >



i nostri amici per sempre